Non esiste un ECG senza un PAZIENTE + Scores Clinici + Handbook dell'Urgenza in Medicina + Handbook di tossicologia in emergenza urgenza + OBI Osservazione Breve Intensiva

110,00 €

Invece di 131,01 €

Descrizione dettagliata
Non esiste un PAZIENTE senza un ECG. Le onde del cuore

“Non esiste un ECG senza un paziente”. Chi è quel paziente dà significato al tracciato: lo stesso lieve sottoslivellamento di ST ha un ben diverso significato in una giovane atleta o in un sessantenne iperteso con dolore toracico.

…Nato quasi per gioco questo libro è divenuto “necessario” per raccogliere l’esperienza di una lunga attività clinica e di tanti corsi di formazione di grande successo.

Formativo ed informativo, ricco di iconografia, pratico… utilissimo per chi voglia accostarsi ai segreti dell’ECG e per chi voglia divenire un esperto di uno strumento diagnostico comunque ineludibile per chiunque faccia il medico.

dalla Presentazione di Rodolfo Sbrojavacca

Quello che colpisce di questo libro è la grande capacità di narrazione degli Autori che descrivono questo fondamentale strumento di lavoro per il medico, con un livello di modernità che appassiona. 

Le schede di approfondimento trattano tematiche ancora aperte nell’interpretazione di alcuni quadri elettrocardiografici e forniscono una ricca documentazione bibliografica, a testimonianza di quanto viva e importante sia ancora la ricerca clinica intorno a questo strumento.

La ricchissima iconografia aiuta la lettura in maniera molto efficace e a fissare gli elementi chiave, (esplicitamente elencati in ogni capitolo) così come risultano molto utili per il clinico le ultime due sezioni, quella dell’ECG nei principali quadri patologici e quella sui farmaci.

Ma l’ingrediente segreto del libro, che lo rende così piacevole e semplice nella sua complessità è la competenza clinica, la passione, l’entusiasmo e la capacità formativa del gruppo di specialisti che l’ha scritto. 

dalla Prefazione di Nicola Montano

OBI Osservazione Breve Intensiva - II Edizione

L’Osservazione Breve Intensiva (OBI) è stata sancita dal Ministero della Salute con accordo tra Stato e Regioni nel 2019.

Le caratteristiche principali devono essere un’alta attività assistenziale medico ed infermieristica, l’esecuzione di accertamenti diagnostici, il monitoraggio clinico e le terapie, in un tempo definito e limitato.

L’obiettivo è rappresentato da un miglioramento dell’appropriatezza dei ricoveri ed una maggiore sicurezza nelle dimissioni da Pronto Soccorso.

Le patologie/sintomi analizzati nel manuale sono tra le più frequenti cause di accesso al PS, non sempre risolvibili ad una prima visita, che richiedono un prolungamento del tempo finalizzato alla esecuzione di accertamenti clinico diagnostici, a terapie mirate, alla osservazione clinica al fine di individuare il più idoneo percorso assistenziale del singolo paziente.

Le condizioni o i sintomi che portano alla Osservazione sono sviluppate seguendo un identico schema che include: la definizione, la rilevanza del problema, la gestione in PS, i criteri di inserimento in OBI, i criteri di esclusione dall’OBI, gli obiettivi, le attività da svolgere e le indicazioni alla dimissione o al ricovero.

Handbook di tossicologia in emergenza urgenza

Quante volte, accogliendo in Pronto Soccorso o in Terapia Intensiva un paziente intossicato vi siete chiesti: “E adesso che faccio”? Questo manuale vuole esservi d’a­iuto per non perdervi nella giungla di veleni, sostanze d’abuso o terapie antidotiche. Il malato critico, cosciente, semicosciente o in coma a causa di sostanze tossiche non vi farà più paura! 

Il Medico e gli Infermieri d’Urgenza e delle Terapie Intensive, di fronte a una intossicazione acuta devono intervenire in modo preciso e drastico fin dai primi minuti: l’intossicazione è un evento spesso drammatico, ma soprattutto dinamico, in cui la situazione del paziente può evolvere verso un peggioramento irreversibile anche in pochi minuti, se non si mettono in atto in modo tempestivo tecniche di decontaminazione e antidotiche salvavita. 

Questo handbook viene scritto, sulla base di una esperienza ormai consolidata, per fornire informazioni pratiche e concise sulla diagnosi e sulla terapia delle intos­sicazioni acute: pochi sono i testi disponibili in italiano sull’argomento, pochissimi i testi che affrontano la tematica particolare dell’emergenza urgenza delle intossica­zioni, ancora meno i testi che privilegiano un approccio pragmatico, più pratico che teorico. 

Crediamo che l’utilità di questo libro stia proprio nell’approccio pratico, riser­vando la parte teorica ad un successivo eventuale approfondimento: si parte dal “cosa fare” per arrivare alla teoria sottostante la pratica, mentre nella maggior parte dei testi attualmente in circolazione avviene l’esatto contrario. 

Handbook dell'Urgenza in Medicina - VI Edizione

L’Handbook dell’Urgenza in Medicina è nato, ormai qualche anno fa, come ausilio nella gestione delle urgenze, che riporti le notizie essenziali e quelle nozioni mnemoniche che a volte l’ansia confonde; l’idea era ed è quella di una sintesi dell’emergenza e urgenza che, dopo essere stata letta per sapere dove cercare, potesse essere sempre a disposizione nella tasca del camice per ridurre il tempo libero da terapia.

Infatti, sempre di più, è chiaramente emerso che il ritardo terapeutico peggiora l’outcome in svariate patologie, dall’IMA allo stroke, allo stato epilettico, alla sepsi e in tutte le insufficienze respiratorie. La 6a edizione mantiene il suo formato di tascabile, con l’intento di fornire informazioni sulle principali patologie dell’urgenza e un pronto approccio farmacologico. A tale scopo preme sottolineare che dei farmaci segnati in grassetto nella parte sulle patologie potete trovare una scheda nella seconda parte del tascabile; nella scheda vengono riportati indicazioni, controindicazioni e dosaggi dei singoli farmaci con schemi di diluizione e di somministrazione.

Anche se la materia è molto vasta (e soggetta a continui aggiornamenti) la forma del libro impone il contenimento del volume; la speranza è quella di aver trovato un adeguato compromesso fra necessità di sintesi e completezza nell’esposizione.

Scores Clinici in Medicina d'Urgenza - II Edizione

Perché imparare (e insegnare) i sistemi a punteggio in Medicina? Non si rischia di “spegnere il cervello”, di semplificare all’eccesso, sino a “banalizzare” il cardine insostituibile rappresentato dalla cosiddetta “quotidiana pratica clinica al letto del malato”? E perché imparare e insegnare i sistemi a punteggio proprio nell’ambito specialistico della Medicina d’Emergenza – Urgenza?

Perché? Per sintesi, per omogeneità.

Perché ricorrere a un sistema a punteggio, a quello e non ad un altro, significa essere giunti a quel punto, aver scelto quell’ambito, quello specifico sospetto clinico al termine (o nel corso) di un ragionamento che è parte di un percorso di valutazione, trattamento e stratificazione del rischio.

Percorso che deve giungere a una sintesi, a una decisione, che possa essere rappresentata da una fotografia che sia anche oggettivabile. E questa decisione deve essere comprensibile ad altri, a chi sta lavorando al nostro fianco, con mansioni differenti o provenendo da discipline differenti e ancor più a chi verrà dopo di noi, a gestire quello stesso o quella stessa paziente, in un diverso momento della sua storia clinica e deve potere comprendere a che punto siamo arrivati, noi nel percorso, e il o la paziente nella propria evoluzione di malattia.

E omogeneità significa allora anche equità, perché è doveroso che nella fase così delicata dell’inquadramento di ogni paziente, con qualunque codice di priorità e in qualunque contesto e ambiente ci si presenti, si limiti la variabilità medica individuale facendo riferimento a un patrimonio di cultura, competenze ed evidenze che siano validate e condivise.

Condivise su di un’evidenza dimostrata e pubblicata in letteratura e comprovata dalle esperienze sul campo.

Per oggettivare, quindi, per fotografare, per documentare, per ragionare e quindi anche per comunicare, per condividere e per confrontarsi. Per ridurre il margine di rischio e di errore. Per essere colti e per essere aggiornati, per essere competenti e per essere trasversali, così come “trasversali” alle diverse discipline sono tutti i nostri pazienti in Medicina d’Emergenza – Urgenza.

Per metodo. E per contestualizzazione. Perché, a parità di condizione clinica, in Pronto Soccorso ricorrerò a sistemi a punteggio differenti da quelli a cui farò riferimento sul “territorio” in fase di Emergenza Pre-Ospedaliera, perché diverso è il contesto e diverse le scelte che dovrò prendere (in termini di centralizzazione e stratificazione del rischio, ad esempio), nell’ambito di percorsi diagnostico terapeutici che possono essere chiari e condivisi con i nostri diretti interlocutori o meno. Allo stesso modo potrò ricorrere allo stesso sistema a punteggio pur in contesti differenti, o in diversi momenti di valutazione e trattamento, ma con obiettivi decisionali dinamicamente variabili: ora con contributo decisionale sull’esecuzione o meno di un’indagine diagnostica, ora sulla scelta di un approccio terapeutico immediato o procrastinato, ora sulla disposizione di dimissione al domicilio o degenza, ora sulla scelta dell’intensità di cura dell’ambiente di ricovero.

E allora non deve stupire realizzare che il Revised Trauma score e il Quick SOFA score, tanto eterogenei nell’essenza, nel senso clinico e nella portata decisionale, facciano entrambi riferimento alle tre medesime variabili: scala del coma di Glasgow (che, a sua volta, è un altro score a punteggio con significato contestuale), pressione arteriosa sistolica e frequenza respiratoria.

Grazie quindi, ancora una volta, a Tiziano Lenzi, Andrea Tampieri e Maria Chiara Cantarini, per la quantità e la qualità dell’impegno che hanno profuso per insegnarci, ancora una volta, a crescere, a ricordare le domande e le risposte che sanno fare la differenza sul piano decisionale, e per prepararci a lavorare sempre meglio domani rispetto a quanto abbiamo saputo fare sino ad oggi.

Rodolfo Ferrari

Direttore UOC Pronto Soccorso Medicina D’Urgenza

Dipartimento di Emergenza – AUSL Imola

Recensioni(0)

Recensioni

Nessuna recensione, al momento.

Stai recensendo “Non esiste un ECG senza un PAZIENTE + Scores Clinici + Handbook dell'Urgenza in Medicina + Handbook di tossicologia in emergenza urgenza + OBI Osservazione Breve Intensiva”


.png .jpg .gif
group_work Consenso ai cookie

Accedi

Megamenu

Confronta0Lista dei desideri0

Il tuo Carrello

Non ci sono prodotti nel carrello