Scores Clinici in Medicina d'Urgenza

II edizione
11,31 € 11,90 €
Formato

Riferimento: 4042_C
ISBN / ISSN: 9788871105130
Authors: Tiziano Lenzi, Andrea Tampieri, Maria Chiara Cantarini
Tipologia di Prodotto: Libro
Anno di pubblicazione: 2023
Formato: 12x19
Pagine: 86
Descrizione dettagliata

Perché imparare (e insegnare) i sistemi a punteggio in Medicina? Non si rischia di “spegnere il cervello”, di semplificare all’eccesso, sino a “banalizzare” il cardine insostituibile rappresentato dalla cosiddetta “quotidiana pratica clinica al letto del malato”? E perché imparare e insegnare i sistemi a punteggio proprio nell’ambito specialistico della Medicina d’Emergenza – Urgenza?

Perché? Per sintesi, per omogeneità.

Perché ricorrere a un sistema a punteggio, a quello e non ad un altro, significa essere giunti a quel punto, aver scelto quell’ambito, quello specifico sospetto clinico al termine (o nel corso) di un ragionamento che è parte di un percorso di valutazione, trattamento e stratificazione del rischio.

Percorso che deve giungere a una sintesi, a una decisione, che possa essere rappresentata da una fotografia che sia anche oggettivabile. E questa decisione deve essere comprensibile ad altri, a chi sta lavorando al nostro fianco, con mansioni differenti o provenendo da discipline differenti e ancor più a chi verrà dopo di noi, a gestire quello stesso o quella stessa paziente, in un diverso momento della sua storia clinica e deve potere comprendere a che punto siamo arrivati, noi nel percorso, e il o la paziente nella propria evoluzione di malattia.

E omogeneità significa allora anche equità, perché è doveroso che nella fase così delicata dell’inquadramento di ogni paziente, con qualunque codice di priorità e in qualunque contesto e ambiente ci si presenti, si limiti la variabilità medica individuale facendo riferimento a un patrimonio di cultura, competenze ed evidenze che siano validate e condivise.

Condivise su di un’evidenza dimostrata e pubblicata in letteratura e comprovata dalle esperienze sul campo.

Per oggettivare, quindi, per fotografare, per documentare, per ragionare e quindi anche per comunicare, per condividere e per confrontarsi. Per ridurre il margine di rischio e di errore. Per essere colti e per essere aggiornati, per essere competenti e per essere trasversali, così come “trasversali” alle diverse discipline sono tutti i nostri pazienti in Medicina d’Emergenza – Urgenza.

Per metodo. E per contestualizzazione. Perché, a parità di condizione clinica, in Pronto Soccorso ricorrerò a sistemi a punteggio differenti da quelli a cui farò riferimento sul “territorio” in fase di Emergenza Pre-Ospedaliera, perché diverso è il contesto e diverse le scelte che dovrò prendere (in termini di centralizzazione e stratificazione del rischio, ad esempio), nell’ambito di percorsi diagnostico terapeutici che possono essere chiari e condivisi con i nostri diretti interlocutori o meno. Allo stesso modo potrò ricorrere allo stesso sistema a punteggio pur in contesti differenti, o in diversi momenti di valutazione e trattamento, ma con obiettivi decisionali dinamicamente variabili: ora con contributo decisionale sull’esecuzione o meno di un’indagine diagnostica, ora sulla scelta di un approccio terapeutico immediato o procrastinato, ora sulla disposizione di dimissione al domicilio o degenza, ora sulla scelta dell’intensità di cura dell’ambiente di ricovero.

E allora non deve stupire realizzare che il Revised Trauma score e il Quick SOFA score, tanto eterogenei nell’essenza, nel senso clinico e nella portata decisionale, facciano entrambi riferimento alle tre medesime variabili: scala del coma di Glasgow (che, a sua volta, è un altro score a punteggio con significato contestuale), pressione arteriosa sistolica e frequenza respiratoria.

Grazie quindi, ancora una volta, a Tiziano Lenzi, Andrea Tampieri e Maria Chiara Cantarini, per la quantità e la qualità dell’impegno che hanno profuso per insegnarci, ancora una volta, a crescere, a ricordare le domande e le risposte che sanno fare la differenza sul piano decisionale, e per prepararci a lavorare sempre meglio domani rispetto a quanto abbiamo saputo fare sino ad oggi.

Rodolfo Ferrari

Direttore UOC Pronto Soccorso Medicina D’Urgenza

Dipartimento di Emergenza – AUSL Imola

Recensioni(0)

Recensioni

Nessuna recensione, al momento.

Stai recensendo “Scores Clinici in Medicina d'Urgenza”


.png .jpg .gif
group_work Consenso ai cookie

Accedi

Megamenu

Confronta0Lista dei desideri0

Il tuo Carrello

Non ci sono prodotti nel carrello