Carrello C.G. Edizioni Medico Scientifiche          Facebook C.G. Edizioni Medico Scientifiche    Linkedin C.G. Edizioni Medico Scientifiche    Newsletter C.G. Edizioni Medico Scientifiche
C.G. EDIZIONI MEDICO SCIENTIFICHE    /    +39 011 37.57.38    /    cgems.clienti@cgems.it    /    accedi all'area
- Riviste / Emergency Medicine Practice -

Emergency Medicine Practice 2022/01

Emergency Medicine Practice 2022/01  

Autori
Geoffrey Jara-Almonte, MD
Assistant Residency Director, Department of Emergency Medicine, NYC Health + Hospitals/Elmhurst Hospital Center, Icahn School of Medicine at Mount Sinai, New York, NY
 
Chandni Pawar, MD
Mount Sinai Hospital Emergency Department, New York, NY 
 
Revisore scientifico della versione italiana: Bruno Tartaglino   
 


ISBN/ISSN digitale: 1592-3533
Categoria: Riviste / Emergency Medicine Practice
Autore: AAVV
Anno di pubblicazione: 2022
Pagine: 34 pdf - 32 cartaceo
Formato: pdf


digitale - codice: EMP2022_0122 - 11,90 €    


Descrizione:
 
Lesioni alla colonna cervicale: gestione nel Dipartimento di Emergenza
 
Obiettivi formativi
• Cosa ci dicono le ultime raccomandazioni sull'immobilizzazione della colonna?
• Quali le pratiche migliori per gestire le vie aeree e la respirazione dei pazienti che hanno subito una lesione spinale?
• Quali strumenti di decisione aiutano a scegliere la modalità di imaging necessaria?
 
Dopo la lettura del presente articolo, sarete in grado di:
1. Esporre l’approccio diagnostico al paziente con sospetta lesione spinale
2. Descrivere i quadri clinici nei quali è probabile una lesione spinale non diagnosticata, e i metodi per evitare di mancare tale diagnosi
3. Definire il percorso della gestione dei pazienti con lesione spinale accertata
4. Descrivere i casi di lesione spinale a rischio di scompenso acuto da complicanze respiratorie e/o emodinamiche.
 
Abstract
La maggior parte dei nuovi casi di lesioni al midollo spinale (quasi 18.000 all'anno negli USA) riguarda la colonna cervicale e nonostante i costi elevati in termini di morbilità, mortalità e spesa sanitaria, rimane scarsa l’evidenza di buona qualità che guidi la gestione in emergenza.
Alcune modifiche recenti delle linee guida hanno messo in discussione decenni di pratica, interessando i protocolli di immobilizzazione della colonna nella fase preospedaliera, i tempi per la chirurgia e la farmacoterapia. Nel nostro articolo di revisione delineiamo un approccio sistematico alla diagnosi e alla gestione del paziente con una lesione della colonna, con speciale attenzione agli aggiornamenti e alla gestione delle complicanze emergenti.
 
Caso 1
Dall’ambulanza ti avvertono che tra 15 minuti arriverà un ragazzo di 24 anni con trauma cranico…
• Aggiungono che il giovane è stato trovato a terra per strada.
• Presenta trauma cranico e score GCS di 7, mentre i parametri vitali sono normali.
• Rispondi che questo paziente dovrà essere intubato e l’equipaggio chiede se deve procedere nel trasporto e se occorra immobilizzare la colonna…
Caso 2
Un uomo di 64 anni arriva a piedi al PS lamentando dolore al lato sinistro del collo dopo un incidente stradale avvenuto diverse ore prima…
• Uno specializzando lo esamina, apprendendo che l’uomo guidava con la cintura di sicurezza regolarmente allacciata e che l’airbag non si è azionato; il paziente non ha perso la capacità di camminare e così non è andato subito in ospedale, ma ora avverte il dolore al lato sinistro del collo.
• Alla palpazione riscontri una dolorabilità paraspinale sinistra sopra l’area cervicale e lombare, senza scalini o deformità. All’esame non si riscontrano deficit neurologici.
• Lo specializzando ti chiede se debba applicare il collare rigido e se sia necessario un esame per immagini.
Caso 3
Chiamata dall'altoparlante: una giovane disarcionata dal cavallo ha battuto testa e dorso…
• Incontro all’equipaggio dell’ambulanza che la sta portando all’area traumi, mentre lo specializzando valuta l’ABC.
• Osservi che la paziente è sveglia, ha uno score GCS di 15 e risponde coerentemente alle domande, ma che appare sofferente.
• Il monitor indica una pressione di 80/48 mm Hg e dopo l’esame primario dello specializzando tu noti che la paziente non riesce a sollevare le gambe a comando, ha presa debole e un’evidente perdita di sensibilità a entrambi gli arti superiori.
• Ti domandi se si tratti di un trauma cranico o spinale e come sia meglio affrontare l’ipotensione: magari con i corticosteroidi?
 

Ultime News




Articolo del 16/06/2022
Responsabilitą penale per errato prelievo ematico
Categoria: Giurisprudenza sanitaria

maggiori informazioni ››

Articolo del 16/06/2022
False vaccinazioni anti Covid-19 e reati ipotizzabili a carico del medico convenzionato
Categoria: Giurisprudenza sanitaria

maggiori informazioni ››

Copyright © 2021, C.G. Edizioni Medico Scientifiche S.r.l. con socio unico  -  Tutti i diritti Riservati  -  P.iva 02571140017
Indirizzo: Via Brissogne, 11 - 10142 Torino  -  E-mail: cgems.clienti@cgems.it  -  Admin