Carrello C.G. Edizioni Medico Scientifiche          Facebook C.G. Edizioni Medico Scientifiche    Google + C.G. Edizioni Medico Scientifiche    Linkedin C.G. Edizioni Medico Scientifiche    Newsletter C.G. Edizioni Medico Scientifiche
C.G. EDIZIONI MEDICO SCIENTIFICHE    /    +39 011 37.57.38    /    cgems.clienti@cgems.it    /    accedi all'area
- News -
Cerca nelle News






Newsletter

Iscriviti alle nostre newsletter di aggiornamento scientifico

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione


Privacy Policy

‹‹ Le nostre News




Articolo del 29/01/2015

Categoria: Decidere in Medicina

Dolore toracico: troponina ad alta sensibilitą e convenzionale a confronto


a cura di


Pubblicato il 29/01/2015 da Carlo Arrigo

La Troponina ad alta sensibilità (HS-Tn) sta iniziando a prendere il posto dei test precedenti grazie alla sua maggior precisione e alla migliore stratificazione di pazienti a più alto rischio per sindrome coronarica acuta. Oltretutto, può essere rilevata nel siero dei pazienti anche dopo solo due ore dall'evento ischemico acuto.



Uno studio prospettico di coorte pubblicato sulla rivista Heart ha preso in considerazione 1372 pazienti che si sono presentati presso lo stesso Emergency Department con dolore toracico acuto di sospetta natura cardiaca. Sono stati divisi in due gruppi appartenenti a due differenti epoche (in cui veniva utilizzata la Tn convenzionale e quello successivo, in cui fu introdotta la HS-Tn).

Senza entrare nella rete dei criteri che hanno permesso la scelta dei pazienti, concentrerei il nostro interesse sui parametri da cui sono stati ottenuti i risultati, ovvero numero di giorni di ricovero, numero di procedure diagnostiche e di rivascolarizzazione eseguite, nonché i trattamenti medici alla dimissione. Gli outcomes sono stati misurati a sei mesi e si riferivano agli eventi avversi cardiaci maggiori (MACE), includendo tutte le cause di morte, i successivi ricoveri per infarto o angina instabile, la rivascolarizzazione dopo la dimissione. In questo setting, i risultati ottenuti hanno messo in evidenza che l'uso della HS-Tn ha modificato il processo clinico-diagnostico del paziente con sindrome coronarica acuta non ST. Il numero delle coronarografie e rivascolarizzazioni eseguite è aumentato; si è ridotto il numero degli stress test cardiaci non invasivi; il numero dei trattamenti farmacologici per la sindrome coronarica acuta è invece aumentato. Ma tutti questi cambiamenti, non hanno trovato riscontro negli outcomes a sei mesi.

L'introduzione di questa nuova e più sensibile metodica ha modificato certamente il management del paziente con dolore toracico acuto sospetto per origine cardiaca. Ci si attendeva un chiaro miglioramento in qualità di diagnostica e cure che evidentemente tarda ad arrivare considerando gli outcomes immodificati a fronte di un aumento in terapia farmacologica o il numero di coronarografie (saranno state tutte appropriate?). Gli autori di questo studio si sono dovuti arrendere all'evidenza che la loro nuova HS-Tn non ha apportato un cambio di marcia nella gestione dei pazienti. Un messaggio davvero importante è che in alcuni pazienti con dolore toracico acuto e aumento della HS-Tn, prima di procedere in modo routinario al management invasivo, è sicuramente evidence based essere più prudenti.

Carlo Arrigo MD, Emergency Medicine Consultant, The Royal Surrey County Hospital Foundation Trust, Guildford, United Kingdom. Juan Sanchis et al - High-Sensitive vs conventional Troponin for management and prognosis assessment of patients with acute chest pain - HEART. 2014;100(20):1591-1596.



CGEMS consiglia ...


Copyright © 2017, C.G. Edizioni Medico Scientifiche S.r.l. con socio unico  -  Tutti i diritti Riservati  -  P.iva 02571140017
Privacy e Condizioni   -  Via Brissogne, 11 - 10142 Torino  -  E-mail: cgems.clienti@cgems.it  -  Admin
Created by GIGA Studio