Carrello C.G. Edizioni Medico Scientifiche          Facebook C.G. Edizioni Medico Scientifiche    Google + C.G. Edizioni Medico Scientifiche    Linkedin C.G. Edizioni Medico Scientifiche    Newsletter C.G. Edizioni Medico Scientifiche
C.G. EDIZIONI MEDICO SCIENTIFICHE    /    +39 011 37.57.38    /    cgems.clienti@cgems.it    /    accedi all'area
- News -
Cerca nelle News






Newsletter

Iscriviti alle nostre newsletter di aggiornamento scientifico

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione


Privacy Policy

‹‹ Le nostre News




Articolo del 30/01/2015

Categoria: Decidere in Medicina

C' linea guida e linea guida!


a cura di


Pubblicato il 30/01/2015 da
Molti di noi di fronte alla parola "Linea Guida" è abituato a chinare le orecchie, mettere la coda fra le gambe, ed assumere una posizione di timore e reverenza. L'idea è che nelle linee guida ci sia scritta la verità, che siano infallibili, e che se lo dice la linea guida ... s'ha da ffà! Ebbene, non sempre è così. Andandole a guardare da vicino, in alcune di queste troviamo delle cose che ci dovrebbero far riflettere. D’altro canto, per il solo fatto che le Linee Guida vengono riviste periodicamente, già sappiamo che in quelle appena pubblicate esiste qualcosa di errato che il tempo scoprirà


A parte questa nota simil filosofica, il punto è che capita che queste linee guida le prendiamo alla lettera e, a causa del poco tempo a disposizione, non abbiamo quasi mai occasione di andarle a leggere nel dettaglio e fare attenzione ai particolari. Dicono sempre la verità? Rappresentano sempre lo Standard of Care? E lo Standard of care della disciplina nella quale le applichiamo? Bhè, io non sono in grado di rispondere, ma alle volte il dubbio è leggittimo. Vi porto un esempio recente. Quello della Paralisi di Bell, una condizione che incontriamo spesso lavorando in Pronto Soccorso. Come la trattiamo? A quali raccomandazioni facciamo riferimento? Hai letto quelle dell'American Academy of Neurologist? Cosa sai di questa Linea Guida? E perchè non quella dell’American Academy of Otolaryngology-Head and Neck Surgery Foundation?

Le raccomandazioni fra le due Linee Guida sono lievemente differenti. Secondo l’AAN: 1) Gli Steroidi orali andrebbero prescritti ai pazienti con Paralisi di Bell di nuova insorgenza per aumentare la probabilità di recupero completo della funzione del nervo faciale. 2) La Terapia antivirale, aggiunta agli steroidi, può essere prescritta nei pazienti con Paralisi di Bell di nuova insorgenza per aumentare la probabilità di recupero della funzione faciale. L’AAO-HNSF, invece, afferma: 1) I medici devono prescrivere la terapia con Steroidi orali entro 72 ore dall’esordio dei sintomi in pazienti con Paralisi di Bell di età uguale o superiore ai 16 anni. 2) I medici possono prescrivere la Terapia antivirale, aggiunta agli steroidi, entro 72 ore dall’esordio dei sintomi in pazienti con Paralisi di Bell

Quale delle due vale la pena di approfondire e seguire? Come ci regoliamo? Ecco, io non so esattamente cosa consigliare. Andando, però, a leggere le prime pagine di queste Linee Guida scopro un fatto interessante: una diversità che sta a monte delle raccomandazioni che abbiamo letto. La principale differenza tra le due, infatti, è proprio il loro obiettivo. La Linea Guida dell’AAN si propone di dare raccomandazioni EBM per l’uso di steroidi e antivirali nei pazienti con nuova diagnosi di Paralisi di Bell. È stata stilata da due autori con il supporto di oltre 20 membri della commissione di sviluppo delle Linee Guida. Questi membri sono tutti neurologi e il documento, quindi, non ha carattere multidisciplinare. Quella dell’AAO-HNSF, invece, ha degli obiettivi più ampi. L’AAO-HNSF (stilata da un gruppo che prevedeva la presenza di membri di differenti discipline, tra cui medici d’urgenza, infermieri e pazienti) viene concepita come una opportunità di migliorare la qualità della gestione dei pazienti con Paralisi di Bell con riferimento alla diagnosi clinica e strumentale, alle terapie, e al follow up dei casi in cui non si ha un completo ripristino della funzione normale.
A parte il fatto che sapete già a quale io farei riferimento, credo proprio che questa sia una buona lezione su cui riflettere.

Gemma C Morabito, Dirigente medico UOC Medicina d’Urgenza e Pronto Soccorso, AO Sant’Andrea, Roma. Seth R. Schwartz et al. Reconciling the clinical practice guidelines on Bell palsy from the AAO-HNSF and the AAN. Neurology 2014;82:1927–1929


CGEMS consiglia ...


Copyright © 2017, C.G. Edizioni Medico Scientifiche S.r.l. con socio unico  -  Tutti i diritti Riservati  -  P.iva 02571140017
Privacy e Condizioni   -  Via Brissogne, 11 - 10142 Torino  -  E-mail: cgems.clienti@cgems.it  -  Admin
Created by GIGA Studio