Carrello C.G. Edizioni Medico Scientifiche          Facebook C.G. Edizioni Medico Scientifiche    Google + C.G. Edizioni Medico Scientifiche    Linkedin C.G. Edizioni Medico Scientifiche    Newsletter C.G. Edizioni Medico Scientifiche
C.G. EDIZIONI MEDICO SCIENTIFICHE    /    +39 011 37.57.38    /    cgems.clienti@cgems.it    /    accedi all'area
- News -
Cerca nelle News






Newsletter

Iscriviti alle nostre newsletter di aggiornamento scientifico

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione


Privacy Policy

‹‹ Le nostre News




Articolo del 26/07/2016

Categoria: Giurisprudenza sanitaria

Ipotesi di peculato


a cura di Sergio Fucci


Soggetti interessati: Medici
 
Effettuare visite mediche in regime autorizzato di intramoenia, pattuire compensi in misura inferiore a quelli previsti nella relativa convenzione e trattenere il denaro ricevuto in contati dai pazienti senza rilasciare ricevute e contabilizzare regolarmente le visite integra l’ipotesi di peculato in danno dell’Asl.


Questo principio è stato affermato dalla Corte di Cassazione, sesta sezione penale, con la recente sentenza n. 23237/16, depositata il 01/06/2016, con la quale, peraltro, annullato il trattamento sanzionatorio irrogato, è stato disposto il riesame della questione dell’entità della pena da irrogare essendovi in fatto elementi rilevanti per potere configurare l’ipotesi attenuata prevista dall’art. 323 bis del codice penale.

Questa norma, infatti, stabilisce che se il fatto di peculato è nel suo complesso di “particolare tenuità” la pena deve essere diminuita in modo da conformare il trattamento sanzionatorio alla reale entità del caso concreto in esame.

D’altra parte il delitto di peculato è previsto dall’art. 314 codice penale che sanziona con la grave pena della reclusione da quattro a dieci anni il pubblico ufficiale (qual è il medico del SSN) che avendo per ragione del proprio servizio il possesso o comunque la disponibilità di denaro (o di altra cosa mobile) altrui (in questo caso dell’Asl) se ne appropria.

 


CGEMS consiglia ...


Copyright © 2017, C.G. Edizioni Medico Scientifiche S.r.l. con socio unico  -  Tutti i diritti Riservati  -  P.iva 02571140017
Privacy e Condizioni   -  Via Brissogne, 11 - 10142 Torino  -  E-mail: cgems.clienti@cgems.it  -  Admin
Created by GIGA Studio