Carrello C.G. Edizioni Medico Scientifiche          Facebook C.G. Edizioni Medico Scientifiche    Linkedin C.G. Edizioni Medico Scientifiche    Newsletter C.G. Edizioni Medico Scientifiche
C.G. EDIZIONI MEDICO SCIENTIFICHE    /    +39 011 37.57.38    /    cgems.clienti@cgems.it    /    accedi all'area
- News -
Cerca nelle News






Newsletter

Iscriviti alle nostre newsletter di aggiornamento scientifico.

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.


Privacy Policy

‹‹ Le nostre News




Articolo del 16/03/2016

Categoria: Professione & Clinical Governance

Accertamento dell'esistenza di un rapporto di lavoro non autonomo ma subordinato part time


a cura di


Pubblicato il 16/03/2016 da Sergio Fucci

Un medico agisce nei confronti di una casa di cura polispecialistica per ottenere l’accertamento dell’esistenza di un rapporto di lavoro part time, con conseguente condanna di controparte alle relative differenze retributive e alla regolarizzazione della posizione previdenziale. La domanda del sanitario viene respinta in primo grado, ma accolta in appello.

La Corte di Cassazione, sezione lavoro, con la recente sentenza n. 4096/2016, depositata il 02/03/16, ha respinto il ricorso avanzato dalla casa di cura che aveva sostenuto che le prestazioni del medico erano state svolte e correttamente retribuite a titolo di lavoro autonomo e che, quindi, nulla spettava al predetto.



La Suprema Corte nel motivare la sua decisione ha sottolineato che il giudice d’appello aveva correttamente valutato il materiale probatorio acquisito agli atti dal quale emergeva l’esistenza di una collaborazione continuativa e duratura con stabile inserimento del medico nell’organizzazione aziendale in quanto il sanitario era inserito nei turni di guardia medica e nell’attività ambulatoriale, prestata con apparecchiature e strumenti della casa di cura.

Il medico, inoltre, era assoggettato a specifiche disposizioni nello svolgimento delle sue mansioni, dovendo consultare il primario o altro medico del reparto sulle modalità di intervento, nei casi non urgenti e non banalmente di routine. In sostanza il sanitario non aveva la piena responsabilità delle pazienti affidate alle sue cure. In questo complessivo quadro probatorio ha perso rilevanza la circostanza della non esclusività della collaborazione con la casa di cura, unico indice - rimasto, peraltro, isolato - della dedotta autonomia del rapporto.







CGEMS consiglia ...


Copyright © 2021, C.G. Edizioni Medico Scientifiche S.r.l. con socio unico  -  Tutti i diritti Riservati  -  P.iva 02571140017
Indirizzo: Via Brissogne, 11 - 10142 Torino  -  E-mail: cgems.clienti@cgems.it  -  Admin