Carrello C.G. Edizioni Medico Scientifiche          Facebook C.G. Edizioni Medico Scientifiche    Linkedin C.G. Edizioni Medico Scientifiche    Newsletter C.G. Edizioni Medico Scientifiche
C.G. EDIZIONI MEDICO SCIENTIFICHE    /    +39 011 37.57.38    /    cgems.clienti@cgems.it    /    accedi all'area
- News -
Cerca nelle News






Newsletter

Iscriviti alle nostre newsletter di aggiornamento scientifico.

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.


Privacy Policy

‹‹ Le nostre News




Articolo del 25/02/2016

Categoria: Professione & Clinical Governance

Le nostre riviste Macroscopico conflitto di interessi


a cura di


Pubblicato il 25/02/2016 da Sergio Fucci
 
 
L’art. 323 c.p. intitolato “abuso d’ufficio”, tra l’altro, impone al pubblico ufficiale o all’incaricato di un pubblico servizio anche di astenersi dal compiere atti amministrativi in presenza di un interesse proprio o di un prossimo congiunto e sanziona l’omessa astensione diretta a far conseguire al soggetto favorito un ingiusto vantaggio patrimoniale con la grave sanzione della reclusione da 1 a 4 anni di reclusione.
Il dovere di astensione sancito dalla predetta norma ha rilevanza generale e quindi opera anche quando nel procedimento amministrativo in cui rileva il conflitto di interessi manchi una specifica disciplina al riguardo.


Questi principi sono stati affermati dalla Corte di Cassazione, sesta sezione penale, con la recente sentenza n. 48913/2015, depositata il 10/12/15, che ha accolto il ricorso avanzato dalla pubblica accusa (PM) contro un medico dirigente di una struttura complessa di una Asl che era stato assolto dai giudici di merito dalla contestazione del reato previsto e punito dall’art. 323 c.p. per avere designato la propria moglie quale componente di una commissione per l’accertamento dell’idoneità pisco-fisica per il conseguimento delle patenti di guida, così procurandole un ingiusto vantaggio per il conseguimento dei relativi gettoni di presenza.
La Suprema Corte ha quindi annullato la sentenza assolutoria perché in contrasto con i suddetti principi e ha rinviato gli atti ai giudici di merito per un nuovo giudizio che dovrà tenere conto del fatto che in seguito all’atto di designazione emesso in una situazione di macroscopico conflitto di interessi la moglie dell’imputato ha ricevuto un incarico amministrativo, con conseguimento di vantaggi patrimoniali ingiusti.






CGEMS consiglia ...


Copyright © 2021, C.G. Edizioni Medico Scientifiche S.r.l. con socio unico  -  Tutti i diritti Riservati  -  P.iva 02571140017
Indirizzo: Via Brissogne, 11 - 10142 Torino  -  E-mail: cgems.clienti@cgems.it  -  Admin