Carrello C.G. Edizioni Medico Scientifiche          Facebook C.G. Edizioni Medico Scientifiche    Linkedin C.G. Edizioni Medico Scientifiche    Newsletter C.G. Edizioni Medico Scientifiche
C.G. EDIZIONI MEDICO SCIENTIFICHE    /    +39 011 37.57.38    /    cgems.clienti@cgems.it    /    accedi all'area
- News -
Cerca nelle News






Newsletter

Iscriviti alle nostre newsletter di aggiornamento scientifico.

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.


Privacy Policy

‹‹ Le nostre News




Articolo del 22/07/2022

Categoria: Giurisprudenza sanitaria

Responsabilitą penale per decesso del paziente in seguito ad intervento eseguito con grave imperizia


a cura di Sergio Fucci


Un chirurgo viene ritenuto colpevole di omicidio colposo e condannato in primo grado alla pena di giustizia perché, quale primo operatore, sottoponeva il 26 aprile 2017 presso un ospedale una paziente ad intervento chirurgico di laparoscopia per la riparazione di un laparocele tenendo una condotta connotata da grave imperizia, in quanto, nel corso della manovra di introduzione nell'addome della paziente del trocar ottico utilizzato per l'intervento, errava nella direzione di entrata del trocar stesso, con una esagerata inclinazione verso il basso, e sottovalutava la profondità dell'introduzione dello strumento, agendo con forza e velocità eccessiva, tale da lacerare il peritoneo posteriore, penetrare nel retroperitoneo e lacerare con lo strumento l'aorta addominale sottorenale, con conseguente emorragia acuta massiva che causava la morte dell’assistita avvenuta in data 4.5.2017.


La sentenza viene confermata in appello e quindi l’imputato ricorre in cassazione sostenendo in sostanza che la sua responsabilità è stata ritenuta sussistente in quanto, senza adeguata motivazione, è stato ritenuto elevato il grado di scostamento della sua condotta rispetto allo standard e, comunque, non è stato tenuto in debito conto la maggiore difficoltà dell’intervento a causa dell’obesità della paziente.
 
La Suprema Corte, quarta sezione penale, con la recente sentenza n. 20652/2022, depositata il 27.05.22, rigetta il ricorso ritenendolo infondato.
La Cassazione osserva in particolare che il caso di cui si discute è avvenuto nella vigenza dell'art. 590-sexies cod. pen. (introdotto nel nostro ordinamento dalla legge Gelli n. 24/2017) e che lo stesso è stato correttamente inquadrato dai giudici di merito in una ipotesi di imperizia grave del chirurgo nella fase attuativa dell'intervento, come tale ritenuta penalmente rilevante in base all’interpretazione di questa norma fornita dalle Sezioni Unite della Cassazione con la nota sentenza n. 8770/2017; che, infatti, i giudici hanno sottolineato che la lunghezza del trocar è inferiore alla distanza che intercorre tra aorta e punto di ingresso dello strumento e che, quindi, l’imputato non avrebbe potuto attingere l'aorta se non imprimendo una notevole pressione sul trocar, come evidenziato anche dalle deposizioni delle infermiere che avevano assistito la paziente.
 
La Cassazione, inoltre, osserva che è stata anche accertata una esagerata inclinazione del trocar impressa al momento della sua introduzione nell'addome della paziente, nonché la sua introduzione a profondità eccessiva, superando i piani anatomici che avrebbero dovuto essere identificati attraverso il monitor e che questo comportamento, secondo il perito, non corrisponde a nessuna buona pratica medica.
 
Il ricorrente, d’altra parte, non ha contestato l'inquadramento della colpa nell'imperizia, ma solo il giudizio espresso dai giudici di merito circa la graduazione della colpa, giudizio peraltro condiviso dal primario del reparto - in un colloquio intercorso con il figlio della vittima (e registrato dal predetto) - che aveva ammesso che nel caso di specie vi era stato "un errore umano grossolano" nel corso dell'intervento in questione.
 
Il giudizio di gravità della colpa è stato quindi legittimamente formulato dai giudici territoriali, alla luce di una condotta del chirurgo manifestamente esorbitante rispetto al dovuto, tenendo anche conto delle specifiche condizioni del soggetto agente, del suo grado di specializzazione e della situazione specifica in cui si è trovato ad operare.






CGEMS consiglia ...


Copyright © 2021, C.G. Edizioni Medico Scientifiche S.r.l. con socio unico  -  Tutti i diritti Riservati  -  P.iva 02571140017
Indirizzo: Via Brissogne, 11 - 10142 Torino  -  E-mail: cgems.clienti@cgems.it  -  Admin