Carrello C.G. Edizioni Medico Scientifiche          Facebook C.G. Edizioni Medico Scientifiche    Linkedin C.G. Edizioni Medico Scientifiche    Newsletter C.G. Edizioni Medico Scientifiche
C.G. EDIZIONI MEDICO SCIENTIFICHE    /    +39 011 37.57.38    /    cgems.clienti@cgems.it    /    accedi all'area
- News -
Cerca nelle News






Newsletter

Iscriviti alle nostre newsletter di aggiornamento scientifico.

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.


Privacy Policy

‹‹ Le nostre News




Articolo del 06/09/2019

Categoria: Giurisprudenza sanitaria

Rilevanza delle linee guida nell’accertamento della responsabilità professionale del medico


a cura di Sergio Fucci


La Corte di Cassazione, quarta sezione penale, con la recente sentenza n. 32478/2019, depositata il giorno 22/07/2019, su ricorso della parte civile ha annullato per difetto di adeguata motivazione la sentenza d’appello che aveva confermato l’assoluzione di un radiologo dal delitto di omicidio colposo contestato per omessa prescrizione di un approfondimento diagnostico in presenza di sospetto di neoplasia emergente da un esame mammografico eseguito nel 2008 su una paziente poi deceduta nel 2011 per carcinoma alla mammella.




I giudici della Suprema Corte hanno sottolineato che i giudici di merito nel valutare l’esistenza del profilo di colpa addebitato al medico e nel valutare il nesso causale tra la sua condotta e l’evento mortale non avevano tenuto in debito conto la rilevanza delle linee guida che nel caso di specie avrebbero imposto un approfondimento diagnostico in presenza di elementi di sospetto oncologico emergenti dalla mammografia.

L’ulteriore esame, più approfondito, della controversia, essendo passata in giudicato l’assoluzione sul piano penale del radiologo, è stato quindi rimesso al competente giudice civile che nel decidere sulla responsabilità civile del sanitario si dovrà attenere al principio di diritto secondo il quale il giudice non può escludere l’esistenza della contestata responsabilità se non indica quali linee guida in ipotesi ha seguito il medico, se non opera una valutazione di queste linee guida in punto riferibilità al caso concreto e se non esprime un giudizio sull’effettivo consenso di questi suggerimenti nell’ambito della comunità scientifica.

È interessante notare che nel caso di specie il radiologo si era limitato prescrivere una nuova mammografia dopo due anni da quella incriminata e a suggerire l’esecuzione di una ecografia (esame già effettuato solo un mese prima dalla paziente) senza peraltro indicare quando sarebbe dovuta essere eseguita.







CGEMS consiglia ...


Copyright © 2021, C.G. Edizioni Medico Scientifiche S.r.l. con socio unico  -  Tutti i diritti Riservati  -  P.iva 02571140017
Indirizzo: Via Brissogne, 11 - 10142 Torino  -  E-mail: cgems.clienti@cgems.it  -  Admin