Carrello C.G. Edizioni Medico Scientifiche          Facebook C.G. Edizioni Medico Scientifiche    Google + C.G. Edizioni Medico Scientifiche    Linkedin C.G. Edizioni Medico Scientifiche    Newsletter C.G. Edizioni Medico Scientifiche
C.G. EDIZIONI MEDICO SCIENTIFICHE    /    +39 011 37.57.38    /    cgems.clienti@cgems.it    /    accedi all'area
- News -
Cerca nelle News






Newsletter

Iscriviti alle nostre newsletter di aggiornamento scientifico

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione


Privacy Policy

‹‹ Le nostre News




Articolo del 20/11/2018

Categoria: Giurisprudenza sanitaria

Prescrizione del diritto al risarcimento del danno


a cura di a cura di Sergio Fucci


È noto che la prescrizione del diritto al risarcimento del danno matura in cinque anni nel caso di illecito extracontrattuale (ad esempio nei confronti di un medico strutturato) e in dieci anni nel caso di inadempimento contrattuale (ad esempio nei confronti dell’ospedale nel quale presta la propria opera il sanitario).

Non sempre è chiaro quale sia il termine iniziale a partire dal quale deve essere computato il termine di prescrizione.



 


Sul punto è intervenuta di recente la Corte di Cassazione, terza sezione civile, con la recente sentenza n. 19193/2018, depositata il giorno 19/07/2018, stabilendo che il termine, come stabilito dall’art. 2935 c.c., inizia a decorre dal giorno in cui il diritto al risarcimento dei danni può essere fatto valere.

La Suprema Corte ha, inoltre, precisato che l’inerzia del titolare del diritto al risarcimento è tale solo quando il danno appaia percepibile all’esterno e conoscibile da parte del danneggiato.

La percepibilità del danno deve essere valutata non secondo parametri soggettivi che riguardano la persona del paziente danneggiato, ma secondo il parametro dell’ordinaria diligenza e, quindi, solo l’oggettiva non percepibilità del danno e la sua non riconoscibilità all’esterno impediscono il decorrere della prescrizione.

Non rileva, invece, l’ignoranza soggettiva del paziente che non costituisce un impedimento ad agire di natura giuridica, ma solo un impedimento fattuale.



CGEMS consiglia ...


Copyright © 2017, C.G. Edizioni Medico Scientifiche S.r.l. con socio unico  -  Tutti i diritti Riservati  -  P.iva 02571140017
Privacy e Condizioni   -  Via Brissogne, 11 - 10142 Torino  -  E-mail: cgems.clienti@cgems.it  -  Admin
Created by GIGA Studio