C.G. Edizioni Medico Scientifiche
My HomeRete di venditaEventi & NewsNewsletterContatti
Home > Le Nostre Riviste

Professione

 

Nel 2013 Professione & Clinical Governance cambia e amplia i propri contenuti andando ad occupare una parte importante all’interno di “Decidere in Medicina. Ai temi strettamente collegati alla “Professione”, novità e attualità, organizzazione, governance, etica e deontologia, giurisprudenza
sanitaria, farmacologia si affiancheranno rubriche in ambito clinico.
Il numero di pagine aumenterà da 48 a 80 cercando sempre di mantenere inalterata, e se possibile migliorare, la qualità che sempre ha contraddistinto le nostre riviste.

PER CONSULTARE LA SEZIONE DEL SITO DEDICATA CLICCA QUI

Cari amici, è con una certa e comprensibile amarezza che vi comunico che nel 2013, dopo venti anni, la nostra testata sarà accorpata in una rivista unica con “Decidere in Medicina”. Una rivista che per mantenere la propria indipendenza rinunci alla pubblicità non ha vita facile. Con grande piacere vi comunico che: i temi trattati in questo periodo da “Professione & Clinical Governance”, non scompariranno ma confluiranno in Decidere in Medicina, che coniugherà argomenti relativi alle decisioni cliniche, con quelli etico-deontologici e organizzativi della professione. Da un lato la concorrenza di un’informazione online che offre notizie in tempo reale, anche se non rende più saggi, e dall’altro il disagio e l’incertezza sul futuro della professione e il poco tempo a disposizione dei medici per la lettura, travolti come sono da crescenti carichi di lavoro imposti dalla burocrazia, non giovano alla diffusione di temi impegnativi, come quelli che in questi anni abbiamo proposto ai lettori della nostra rivista. Anche l’idea, dura a morire, che la medicina sia ancora esclusivamente una scienza naturalistica sempre più tecnologica e onnipotente, si è scontrata e continua a trovare ostacoli quando deve occuparsi di temi relativi alle scienze umane: filosofia, psicologia, antropologia, sociologia, metodologia clinica e organizzazione. Per la prima volta, nella storia della professione, il medico è stato costretto a dover conciliare il rispetto della soggettività della persona, con la necessità di oggettivare il processo morboso per poterlo curare, e insieme, anche il concetto di malattia e di salute hanno assunto una connotazione sempre più complessa e soggettiva nell’epoca della connessione planetaria e della robotica. A qualcuno questi argomenti potranno ancora apparire più un vezzo intellettualistico che una necessità inderogabile dell’essere medici oggi, ma, perfino in USA, dopo tanto trionfalismo iperspecialistico ci si è accorti che la formazione del medico doveva essere arricchita di cognizioni umanistiche, e anche le nostre facoltà di medicina hanno timidamente introdotto nel curriculum di base dei medici corsi di scienze umane, compatibilmente con una Tabella XVIII anche troppo ingombrante ed estesa. In questa circostanza, caratterizzata da una crisi economica senza precedenti, desidero cogliere l’occasione per rivolgere un sentito ringraziamento ai tanti colleghi, intelligenti e aperti al nuovo, che in questi anni hanno criticato, sostenuto e condiviso il nostro impegno, e mi auguro che, anche nel prossimo anno, vorranno continuare con noi il percorso difficile, ma anche affascinante, di una professione in rapida e vorticosa trasformazione.

Il direttore
Aldo Pagni

 

Professione - Cultura e Pratica del Medico d'Oggi
Carrello
NovitàOfferte
Problematiche cliniche in ematologia
Autore: Mario Bazzan
Dettaglio Prodotto
Diagnosi e terapia delle aritmie
per la Medicina d'Urgenza
Autore: Tiziano Lenzi, Nicola Binetti, Mario Cavazza, Rita Margotti, Andrea Strada
Dettaglio Prodotto
Hospital Medicine Practice n. 1/2015
Empowering Hospitalists with Evidence-based Reviews
Autore: Erin Sullivan, Anita Pudusseri
Dettaglio Prodotto